giovedì 31 agosto 2017

IL NUOVO LIBRO Tutti abbiamo una maschera / Sinossi


 Tutti abbiamo mentito in certi momenti della nostra vita: a volte per educazione, o per paura, o per un sentimento di smarrimento, o perché non sapevamo che cosa dire, protetti da una maschera che portiamo sempre con noi. Senza maschera, che può nascondere l’intero volto di una persona, oppure solo gli occhi, ripercorriamo i momenti più importanti accaduti nel nostro Paese, e rivediamo, in modo nuovo, gli avvenimenti che hanno cambiato la nostra vita, sconvolgendo lo stile cui eravamo abituati.

In versione ebook e cartaceo
Acquista online, clicca qui:



mercoledì 9 agosto 2017

IL CORAGGIO DELLO SCRITTORE


Il mestiere dello scrittore è fatto d’ispirazione e fatica. Non ho consigli da dare a chi ha in animo di scrivere un romanzo, tranne questo: evitare di scrivere un brutto romanzo. Pochi hanno le capacità, il giusto atteggiamento nei confronti della vita, una mente sempre curiosa, tutti ingredienti necessari per scrivere un buon libro. Certo, ogni scrittore ha la sua ricetta. La verità è che non si sa mai a prescindere cosa vogliono i lettori, e tuttavia il lavoro dello scrittore è proprio questo: dar loro ciò che desiderano, senza saperlo prima. Suo è il coraggio di scrivere, la responsabilità di raccontare le cose come le vede dentro di sé e, soprattutto, come le sente. Questo ho imparato: per creare una storia non occorre viverla, occorre una mente che la sappia raccontare. Come ogni attività creativa, la scrittura dev'essere tanto essenziale alla propria sopravvivenza e identità, quanto frutto di pratica costante. La scrittura è frutto di costante allenamento, proprio come lo sport o come la musica. Bisogna scrivere di ciò che si ama e amare ciò che si scrive. Amare i propri personaggi e le storie che si raccontano. La curiosità, la capacità di sorprendersi, il coraggio di raccontare storie e di amare i propri personaggi, è l’essenza stessa dell’essere scrittori. La cosa più importante da fare per iniziare a scrivere è ... scrivere: incollare il sedere alla sedia e semplicemente farlo! Scrivere significa lavorare ogni giorno: annoiati, stanchi, esausti o con la febbre a quaranta. Mille pagine sembrano tante, ma scrivendo tre pagine ogni giorno…in un anno avrete un libro. Avere mille buone idee in testa non è un buon segno, bisogna metterle su carta (le idee). Quindi, sediamoci e mettiamoci all'opera!


Tratto dal libro Lo scrittore irriverente, di Giuseppe Ciccia

martedì 8 agosto 2017

UNA TROTTOLA PER I GIOCHI DEL RE



Era rimasta nascosta, chissà come, nel sottotetto del Salone del trono del Palazzo ducale di Urbino ed è spuntata fuori durante i restauri. Una pallina del tutto simile a quella che tiene in mano il duca Federico Ubaldo della Rovere ritratto a due anni da Alessandro Vitali. Dal suo ritrovamento è nata l’idea di una mostra che raccontasse il Rinascimento attraverso il gioco.

lunedì 7 agosto 2017

LA MESCOLANZA DEI GENERI LETTERARI



 Adesso che non sappiamo più che cosa sia la letteratura (vedi Nobel) o, per meglio dire, che tutto può essere letteratura, possiamo trovare ogni cosa, nel senso che romanzo, poesie, cronaca, saggio, informazione, sono spesso mescolati e diventano nuove forme di meticci letterari. Del resto, le stesse classificazioni creano miscugli del tipo: “Narrativa, biografie e storie vere” oppure: “Poesia e teatro” (senza sapere quanti libri, escono di poesia e quanti di teatro) o in libreria sono messi insieme: “Religione, occultismo, parapsicologia, spiritismo. Anche la letteratura sarà così ibrida da diventare tutta un suk?

domenica 6 agosto 2017

MAMMA S’E’ ISCRITTA A FACEBOOK


Si può avere una nuova vita dopo i 75 anni? Pare proprio di si! E’ ciò che ha escogitato una signora anziana per “emanciparsi”, grazie al social network. In pratica, questa donna legge, scrive e incontra parenti lontani; ha un’effervescenza comunicativa che lenisce, almeno in parte, la malinconia e la solitudine. Con i condomini, quasi tutti coetanei, si dà ancora del lei, dopo cinquant’anni di conoscenza, e non va oltre un veloce controllo della salute. Ma ora, ecco che si ferma per strada a digitare con entusiasmo, un saluto a un uomo che non ha mai incontrato di persona o scattare e postare foto di tramonti…

sabato 5 agosto 2017

LA RABBIA AFROAMERICANA



Un tizio bislacco, che coltiva marijuana e angurie decide che per superare le tensioni razziali di un sobborgo di Los Angeles serve la segregazione. L’apartheid unì i sudafricani dei ghetti, dice, perché qui non dovrebbe funzionare?

Dal libro Lo schiavista di Paul Beatty

EDUCARE ALLA BELLEZZA



Personalmente consiglierei una norma che obbligasse a vedere un’opera teatrale una volta al mese e a visitare una mostra importante una volta all’anno. Le arti visive e quelle dello spettacolo non sono solo uno svago: aprono la mente e ci predispongono alle cose belle.

venerdì 4 agosto 2017

LA GRANDE BELLEZZA (PERDUTA) DEL CENTRO STORICO


 Il degrado avanza, i nostri centri storici più belli si stanno trasformando in un cinico sfruttamento affaristico. E intanto, un pezzo del nostro passato se ne va. Al suo posto minimarket, rivendite di cianfrusaglie spacciate per souvenir, osterie con cibi congelati, tanti negozietti di pizze al taglio, sedie e tavolini straripanti fino a metà strada e gelaterie a ogni angolo, rivenditori extracomunitari e Bed & Breakfast sparsi un po’ dovunque spuntati come funghi. Non chiudiamo gli occhi di fronte alla realtà.

giovedì 3 agosto 2017

ANCHE LE FORMICHE NEL LORO PICCOLO DISSENTONO


I LIBRI SI AMANO CON MENO CHIACCHIERE E PIÙ LETTURA


 Per promuovere la lettura non c’è niente di meglio che lavorare con le scuole, cioè con gli insegnanti. I festival e i saloni del libro, che litigano tra loro per conquistarsi il primato della chiacchiera, ci hanno abituato, appunto, alla chiacchiera (spesso vuota). Si parte dal libro e si parla, si parla fino alla nausea, dimenticando che l’unica cosa che conta davvero è la musica della pagina, la musica del testo. Prima o poi bisognerà capire che la chiacchiera promuove i saloni (biglietti e afflussi), non la lettura. Meglio tornare a scuola!

LA RIVOLTA FEMMINILE




La battaglia per l’emancipazione femminile e lo sviluppo del movimento femminista in America hanno segnato una svolta nella vita della società occidentale. Ma in molti settori, a cominciare dalla politica e dai ruoli dirigenziali, la presenza delle donne resta sottodimensionata anche in una collettività avanzata come quella degli Stati Uniti.

mercoledì 2 agosto 2017

IL RAZZISMO E’ DURO A MORIRE



La fine della segregazione razziale in America e il successo delle lotte per i diritti civili dei neri non hanno segnato certo la fine del problema afroamericano. Varie forme di discriminazione continuano a sussistere, la miseria nei ghetti neri resta opprimente, così come la criminalità e il comportamento razzista e violento di parte della polizia. La lotta per la parità non è finita.

LIBRI INIZIATI E NON FINITI




Un libro, per essere interessante e piacevole deve emozionare, coinvolgere, non può essere accantonato prima d’averlo letto, come se fosse inutile. Un libro non è mai inutile! Credo che lo sbaglio che si commette sia da ricercare nel momento sbagliato. Certe volte, può essere utile tornare sui propri passi, non solo per se stessi, ma per consigliare il libro ad altri, ricavandone un piacere impagabile. Esistono tanti lettori, e come spesso accade per me, anche loro hanno bisogno di quel momento particolare per completare la lettura. Perciò non dobbiamo scoraggiarci e farci assalire dai sensi di colpa, e se questo ci permette di scoprire un nuovo libro, ben venga.

LIBRI DA LEGGERE QUEST’ESTATE





martedì 1 agosto 2017

I SENZATETTO SONO TRA NOI



La povertà non riguarda soltanto i paesi sottosviluppati: possiamo incontrarla anche nel cuore dell’Occidente. In mezzo all’opulenza delle metropoli circolano i senzatetto, la cui presenza ci ricorda come sia possibile precipitare nella miseria. Un problema che si è inasprito in seguito alla decennale crisi economica.

PRESENTAZIONE DI UN LIBRO - Piccolo esempio di promozione mancata

  La promozione di un libro è come un abito confezionato su misura. Quello che vale per uno non vale per l’altro. Così è anche per le pr...