Passa ai contenuti principali

Post

UN GRANDE CAPO

Tratto dal libro “Il narratore di storie” https://www.amazon.it/dp/1721155457
“Dopo aver terminato il primo turno in panetteria, inizio un altro turno a Starbucks. Lavoro novantacinque ore la settimana in due diversi posti di lavoro. Uno dei miei figli si è laureato a Yale e ho altri due bambini al college. E quando finisco il turno, devo andare anche al college a prenderli. Voglio essere un grande capo. Sono un capo al panificio in questo momento, ma solo un piccolo capo. Ecco il mio capo. Devo andare.”


Post recenti

ISTANBUL

Diamo spazio alla lettura. Un romanzo intrigante ambientato in una splendida città turca, non priva d’insidie. https://www.amazon.it//dp/1542937531


BUON WEEKEND A TUTTI GLI AMICI

I piaceri della cucina https://www.amazon.it//dp/1512157228


UN MOMENTO MAGICO

“Ho chiesto a un passante accompagnato dalla figlia, se ricordava il momento in cui è stato più orgoglioso di lei. Allora cominciò a parlare con un forte accento giamaicano,” e disse: "Nel momento in cui ho assistito alla sua nascita. Quel momento è stato magico." “La ragazza, che fino a quel momento era stata tranquilla,” urlò al padre: “Papà, continua a raccontare!”


Tratto dal libro “Il narratore di storie” https://www.amazon.it/dp/1721155457

IMPROVVISAMENTE IL BUIO

Una trilogia mozzafiato da non perdere.  In libreria digitale e in ebook. https://www.amazon.it/dp/1981184287
... In questo tempo di barbarie sociali e violenza umana, non si comprende, come mai, l’entusiasmo di ragazzi adolescenti sia continuamente messo in pericolo. La paura di attentati, oggigiorno, è sempre dietro l’angolo e presenta seri rischi. Noi continueremo ad avere sentimenti di coraggio, affinché la libertà non sia mai ostacolata, in nome di un mondo migliore, che auspichiamo, occupi il posto, il più presto possibile, della violenza e cattiveria umana.
Da parte nostra, non ci stancheremo mai di sostenere l’entusiasmo e la gioia di vivere dei nostri ragazzi, affinché le necessarie premure spalanchino un futuro degno di essere vissuto.

LA LEGGE SULLA CITTADINANZA AGLI STRANIERI NON PUÒ ESSERE DISATTESA.

Ha dell’incredibile la notizia divulgata dai media qualche giorno fa.  È accaduto a una squadra di ragazzi di Castel Volturno, nati in Italia e impediti a partecipare al torneo di pallacanestro perché non è ammesso avere più di due stranieri nella squadra. La squadra è composta da giovanissimi africani,  con tanta voglia di integrarsi e impegnarsi nello sport, ma non possono giocare nei campionati giovanili in base alle norme del Coni e Fip, poiché risultano stranieri.
Il Coni sta tentando di trovare una soluzione a questo problema, ma ciò che conta in questo momento, è che la legge sullo Ius soli, venga approvata subito poiché siamo l’unico Paese al mondo che non può far giocare in nazionale ragazzi così!